168 views |0 comments

Ogni volta che iniziamo a lavorare a un nuovo progetto, prima di pensare a come svilupparlo è naturale per noi mettere insieme appunti e ispirazioni. Come lo facciamo?

In modo visuale, ça va sans dire!

Lo strumento ideale per raccogliere idee e concetti in modo visuale è la moodboard (dall’inglese mood: umore, stile e board: tavola, bacheca).

Cos’è una moodboard e a cosa serve?

La moodboard è una specie di collage, formato da un insieme omogeneo di immagini e serve sia a noi che progettiamo, per scegliere in che direzione andare, sia a chi ci commissiona il lavoro per immaginarsi il risultato finale.

Nel mondo della moda e del design possono essere degli oggetti fisici, da sfogliare e toccare. Si usano per raccogliere, oltre a immagini di ispirazione, anche tessuti e altri materiali per la produzione degli abiti o degli arredi.

Nel mondo della comunicazione è più facile che siano in formato digitale.

moodboard
moodboard
moodboard

Le moodboard con i colori e i trend visivi del 2021. Fonte: freepik.com

Come si crea una moodboard?

Il posto ideale per creare una moodboard, secondo noi, è Pinterest, perché è davvero un mondo di idee e, inserendo alcune parole chiave, suggerisce millemila immagini accomunate da uno stile. E si trovano anche un sacco di moodboard già fatte da cui trarre ispirazione!

Per ogni idea che vogliamo sviluppare creiamo una bacheca che possiamo decidere di tenere segreta, non visibile al pubblico.

bacheca Pinterest

La bacheca di ispirazione per il nostro progetto di poster.

Partiamo, quindi, dalla ricerca delle immagini: è importante scegliere immagini che siano coerenti tra loro, cioè che siano accomunate da un concetto di base. Poi estrapoliamo la palette cromatica, ovvero i colori che caratterizzeranno il progetto. In questo modo si crea un racconto visivo tenuto insieme da un filo conduttore preciso.

Siccome è più facile spiegarlo con degli esempi concreti sotto gli occhi, ecco delle moodboard che abbiamo creato per alcuni clienti.

La moodboard per un evento legato al benessere

Partiamo con una moodboard in cui i temi centrali sono la femminilità, la natura e il benessere.

moodboard

I colori che abbiamo scelto sono il verde, colore che rievoca la natura per eccellenza, il beige, un colore caldo, neutro e delicato e il viola che richiama la femminilità e la spiritualità.

Le tonalità pastello, tenui e rassicuranti, hanno l’intento di infondere calma e serenità.

Abbiamo poi condensato il tutto nel logo e nella comunicazione dell’evento, una giornata di laboratori dedicati alla cura del corpo e della mente.

La moodboard per un’artigiana

Proseguiamo con un’altra moodboard che ruota sempre attorno ai temi della natura ma questa volta non c’è il verde perché ci serviva rimandare più al colore della terra che non alle fronde rigogliose.

Le tonalità sono molto calde, polverose, la base perfetta per promuovere il lavoro di un’artigiana che crea ceramiche fatte a mano e curate dall’idea alla produzione.

E che noi abbiamo declinato e sviluppato sia nel servizio fotografico che nel materiale cartaceo.

moodboard

La moodboard per uno psicologo

Cambiamo totalmente genere: in questo caso abbiamo lavorato all’identità visiva di uno psicologo, psicoterapeuta e sessuologo.

moodboard

Quando si intraprende una terapia, paziente e terapista cercano, insieme, di mettere insieme i pezzi, di dare un senso agli eventi del passato e del presente per costruire qualcosa di nuovo. Il concetto alla base di questo progetto è proprio questo.

Disturbi correlati a traumi
Disturbi della sfera sessuale

E i colori, perché abbiamo scelto proprio questi? Perché ci piacevano? Sì, anche, ma non solo. Abbiamo scelto di usare due colori a contrasto, uno caldo e uno freddo per far parlare il lato scientifico della professione con quello umano, basato sulla relazione.

Impaginare una moodboard

Gli strumenti che utilizziamo noi di solito per impaginare le moodboard e proporle ai clienti sono Adobe Photoshop, il nostro amico del cuore, e Keynote, per inserirle in una presentazione.

Un altro strumento utile è Canva che offre molti modelli già pronti da cui partire e prendere spunto.

Il copyright delle immagini

Se la moodboard rimane ad uso interno, Pinterest, come dicevamo, è il posto perfetto da cui prendere le immagini. La immagini su Pinterest, però, non si possono usare liberamente.

Ecco perché per le moodboard in questo articolo, abbiamo selezionato le immagini da Unsplash dove si trovano foto di ottima qualità, libere da copyright.

Ti piacciono i nostri progetti e non vedi l’ora di avere una moodboard tutta per te?

Author

Francesca Savino

Sono una fotografa e mi occupo di branding e comunicazione.


La macchina fotografica è il mezzo che mi aiuta a scavare nell’anima di prodotti e servizi e a raccontare qualcosa in più delle persone che ci lavorano dietro.


Con lo sguardo corro incontro alle idee e con le immagini creo percorsi e sviluppo progetti alla ricerca di un senso che vada oltre il singolo scatto.


Adoro la quiete e sono una fan dell’introspezione. Nel tempo libero amo leggere, camminare all’aria aperta, cucinare e apparecchiare la tavola per le persone a cui tengo. Viaggio spesso con la testa fra le nuvole e sono sempre alla ricerca di nuovi sguardi, altri gusti e prospettive diverse da cui guardare il mondo.

Post comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Go Top